DOVEROSA PREMESSA

Realizzare un Magrav richiede molto tempo, pazienza e una minima conoscenza della scienza del Plasma di Keshe, l’atto di creare questo dispositivo, ma anche tutti gli altri, con la propria intenzione è di fondamentale importanza in quanto l’intenzione stessa è un “campo” che diviene parte della creazione stessa quindi, partire con il buon proposito, entusiasmo e piacere nel realizzare è il punto numero 1 di questo stupendo percorso fai da te.

SI PARTE!

RIPULIRE L’ANIMA DI ALCUNI METRI DI FILO RAME (monofilo) RICOPERTO, se non si è trovato un modo di trovarlo da bobine nude di rame.

  1. Incidi il cavo con un coltello multiuso.
  2. Estrai i fili e separali su un piano, pavimento o tavolo di lavoro.
  3. Premi il taglierino in diagonale verso il rame (quasi orizzontale) e tira il cavo verso di te.
  4. Arrotola il filo.
  5. Oppure ordina il filo di rame puro su internet. Raccomando MIN 1,6 millimetri, MAX 2 millimetri.

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

PREPARAZIONE DELLE BOBINE PRIMA DELLA NANOCOPERTURA

Prendi due tavole di legno qualsiasi e fai due buchi, uno con una punta da 12 mm eD uno con una da 8 mm.

NUMERO DI SPIRE:
La coppia di bobine esterna deve avere 144 spire, quella interna 81.

NOTA BENE
Diversamente da vecchie istruzioni ufficiali che raccomandavano filo da 1.6 mm (AWG 14 US standard),
una punta da 5.6 mm per le bobine interne e 162 spire per le quelle lunghe; il 26 novembre 2015 la Keshe Foundation ha corretto il numero delle spire delle bobine più lunghe impostandolo a 144 per fare in modo che i due ‘loop’ (la coppia interna e quella esterna) rimangano più vicine.

Hanno anche sostituito la punta da 5,6 mm con una da 8 per fare in modo che la bobina esterna e quella interna siano internamente più a contatto.

Come regola, il numero delle spire deve sempre essere multiplo di 9.

Personalmente le mie bobine le ho fatte di 180 e 90 spire perché sto usando un filo da 1.7 mm, ma anche per fare maggiore spazio alle tre palline da ping-pong contenenti i GaNS.

Più il filo è spesso, maggiore energia si ottiene (la superficie ricoperta dai nanostrati e dai GaNS è maggiore).

Indossa sempre i guanti per evitare di sporcare le bobine e mantenerti isolato da queste forti energie.

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

DISTANZA TRA LE BOBINE ESTERNE E QUELLE INTERNE

E’ molto importante che la bobina interna sia più vicina possibile alla parte interna di quella esterna, ma anche che ci sia spazio per farle scorrere l’una dentro l’altra.
Suggerisco uno spazio interno di circa mezzo millimetro per fare in modo che la bobina in interna scivoli liberamente all’interno di quella esterna.

IMPORTANTE: TUTTE le terminazioni devono sempre essere rigirate ad anello (la parte di filo sezionata dev’essere rivolta verso il fusto del filo stesso senza però toccarlo).

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power    LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

REALIZZAZIONE DELLE BOBINE ESTERNE

Si tratta di 3 bobine di 180 spire avvolte su una punta da 12 mm.

Cominciamo il lavoro producendo le bobine esterne. Fai un piccolo buco nel fusto del tubo da 12 mm in modo da poterci fissare il filo. E’ importante che la bobina venga avvolta nel verso giusto (N.d.T.: in KF sostengono che il senso di rotazione E’ INDIFFERENTE purché sia lo stesso per tutte le bobine).
A entrambe le estremità della bobina servono 15 cm di filo libero.

E’ una buona idea produrre qualche spira in più e poi tirare quelle che avanzano. Questa operazione produce terminazioni più adatte e pulite.

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

PRODUZIONE DELLE BOBINE INTERNE

La procedura è identica a quella delle bobine esterne.
Andiamo a produrre 3 bobine da 90 spire avvolte intorno a un tubo da 8 mm.
Le bobine interne devono avere 15 cm di filo libero all’estremità iniziale e 30 cm in quella finale.
Invece che un tubo da 8 mm si può usare una punta da trapano della stessa misura.
In questo caso è possibile fissare il filo di rame infilandolo in una fessura del mandrino del trapano e avvolgendo un numeri di spire in più, pari ad una quindicina di centimetri che servono all’estremità, che in seguito potrai svolgere e stendere.

HAI FATTO TUTTO NEL MODO GIUSTO ?

Le bobine saranno ora complete e appariranno come negli esempi illustrati.
NOTA: le bobine esterne devono avere 15 cm di filo libero alle loro estremità.
Quelle interne devono avere 15 cm all’estremità iniziale e 30 cm a quella finale.
RICORDA di arricciare le terminazioni, altrimenti disperderai un sacco d’energia.

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

DARE SPAZIO ALLA NANOCOPERTURA

Le bobine vanno stirate un po’ per fare in modo che le spire si allontanino leggermente, altrimenti nei punti di contatto la nanocopertura stenterebbe a prodursi.
Impugna le estremità e tirale delicatamente.
Quando le avrai stirate potrai rimontarle sul tubo o sulla punta del trapano per aggiustare e rendere uniforme la distanza tra le spire senza danneggiare le bobine (nell’immagine si è un pochino esagerato).

NOTA: se decidi di produrre la nanocopertura usando la fiamma di butano, stirare le bobine non è necessario.

LifeMagrav Come realizzare le bobine MAGRAV passo dopo passo (Fase 2) Magrav Power

Vai alla fase 3 Montaggio delle bobine Magrav »